Mese: Marzo 2020

Vita in città ai tempi del Covid

Lo spazio pubblico urbano è uno spazio di relazioni, segnato dai corpi, dagli incontri, dalla casualità, da un ordine spontaneo che non può, se lo spazio è pubblico veramente, accettare altro che regole di buon senso e non di imposizione. È un palcoscenico per le vite di tutti noi, che le vogliamo in mostra o in disparte, protagonisti o comparse… Read more →

Delhi. Densità e rarefazione

Delhi è secondo alcune fonti la metropoli più popolosa del mondo. 22 milioni di anime abitano l’enorme conurbazione (2013) e che siano questi i numeri o, solo, i 16,5 milioni delle statistiche ufficiali si tratta di una quantità enorme. Ma Delhi sorprende per il suo contrasto assoluto nel distribuire così tanti abitanti in maniera così incredibilmente diversa. Se prendiamo in… Read more →

Inland Habana

Inlandsis è la parola che identifica l’Antartide e la Goenlandia e che significa letteralmente ghiacciaio interno alla terra ferma. Niente di più diverso dalla calda, spesso torrida, isola caraibica. La Habana però è una città che se percorsa lungo le linee che la separano dal mare o lungo le linee della sua terra di dentro cambia decisamente aspetto. Le prime… Read more →

La città Post-socialista. Budapest fra globalizzazione ed eredità passate

Il 1989 è l’anno passato alla storia per la definitiva scomparsa del blocco delle repubbliche socialiste che dal secondo dopoguerra hanno segnato le vicende europee. L’anno della demolizione del muro di Berlino, l’anno delle “rivoluzioni di velluto”. Il breve tempo che trascorre prima della fine del secolo incide i paesi dell’Europa socialista con trasformazioni profonde. Si aprono nuove prospettive, nuovi… Read more →

Controgeografie fiorentine

Viaggio nella città “costruita” dai suoi abitanti 11 settembre 2008 Agli spazi banalizzati della metropoli globale si contrappone la geografia dei luoghi della pratica minuta dei corpi nelle traiettorie personali e quotidiane. Esistono vere e proprie ragioni del corpo, nelle diverse stagioni della vita che portano a determinare modalità di abitare e di costruire spazi vecchi e nuovi della città… Read more →

Appunti di viaggio – Iacopo Zetti

Ho avuto modo, per una serie di evenienze, di attraversare Firenze di mattina e di sera. Aspettavo il silenzio ed infatti l’ho ascoltato. Il silenzio non è quello dei luoghi extraurbani. In montagna non esiste perché l’aria suona e lo stesso in campagna perché c’è sempre un fruscio o il rumore di una pianta. Anche nella città di questi giorni,… Read more →

Ora d’aria – Antonella Zola

Ho avuto la possibilità di scattare queste foto dopo 10 giorni di quarantena completa, in cui ho rinunciato a qualunque contatto con il mondo esterno. Alla fine sono dovuta uscire spinta dalla necessità di trovare cibo nei supermercati, ma, con mia grande sorpresa, questa tanto agognata «ora d’aria» è diventata un’ora di disagio di cui speravo arrivasse presto la fine,… Read more →